Palazzo Bonaparte


A cura della redazione di Network Museum

Nasce a Roma, a Palazzo Bonaparte, il primo spazio del progetto Generali Valore Cultura. Eretto dal 1657 al 1677
dall’architetto Giovanni Antonio De Rossi su commissione dei marchesi d’Aste, il palazzo unisce stili barocco e rinascimentale in una particolare espressione.

Nel 1818 viene acquistato, per 27.000 piastre d’oro, da Letizia Bonaparte, madre di Napoleone, che lo sceglierà come dimora, dalla cui proprietaria prenderà il nome, che lo renderà noto. Nel 1836, dopo la morte della Bonaparte, torna alla città.

Al termine di un restauro di oltre 12 mesi interno ed esterno, prima sede espositiva del progetto Generali Valore Cultura, Palazzo Bonaparte si prepara, dal 6 ottobre prossimo, ad ospitare la sua prima mostra: “Impressionisti segreti” con oltre 50 opere, di artisti come Monet, Renoir, Cezanne, Sisley, Caillebotte e Gauguin.

Riproduzione riservata © Copyright Infogestione


Coordinate di questa pagina, fonti, collegamenti ed approfondimenti.

Titolo: “Palazzo Bonaparte”
Sezione: “Dai musei”
Autore: Network Museum
Codice: INET1907111600MAN/A1
Ultimo aggiornamento: 11/07/2019
Pubblicazione in rete: 3° edizione, 11/07/2019

Proprietà intellettuale: INFOGESTIONE s.a.s
Fonte contenuti: http://www.ansa.it
Fonte immagine: http://www.palazzobonaparte.it
Fonte video e contenuti multimediali:

Collegamenti per approfondimenti inerenti al tema:
https://www.generali.it/Dedicato-a-te/Generali-per-l-arte/
http://www.palazzobonaparte.it/index.html